Assistenza Clienti: 080 99 55 014

L’Importanza dell’uniforme del Cuoco

Uniforme del Cuoco

Amiamo guardare le scene frenetiche in cucina, con tutte le persone vestite di bianco mentre friggono o tagliano gli ingredienti necessari per completare un ordine. Cambia sicuramente qualcosa, se non fossero vestiti di bianco. Ecco uno sguardo più da vicino sul significato dell’uniforme dello chef, accompagnato da un pò di storia.

Un ottimo modo per rendere professionale l’aspetto della vostra cucina del ristorante, è sicuramente l’uso di uniformi da chef.
Molti di noi amano guardare le scene frenetiche in cucina, durante il taglio o mentre friggono, sopratutto quando i cuochi si stanno affrettando per completare l’ordine di un cliente (basti pensare a Catherine Zeta-Jones o e Aaron Eckhart nel film “Sapori e Dissapori“).
La frenetica corsa del personale in bianco diventa molto più intrigante ed affascinante agli occhi di uno spettatore esterno. Tutto ciò, però, sarebbe molto diverso se non indossassero le loro uniformi.
E’ molto interessante scoprire che ogni aspetto della divisa da cuoco ha le sue ragioni pratiche.

Detto questo, diamo uno sguardo più da vicino al significato di una divisa da chef:

GIACCA CUOCO
Una giacca di colore bianco denota pulizia, proteggendo lo chef dal calore proveniente dal piano cottura e dal forno. Lo protegge anche dagli schizzi dei liquidi bollenti. La giacca chef doppiopetto ha lo scopo di nascondere lo sporco e le macchie quando è capovolto. Tradizionalmente, bottoni di stoffa estraibili vengono utilizzati perché sopportano numerosi lavaggi e sopportano anche il contatto con oggetti caldi senza sciogliersi.

La giacca da cuoco moderna potrebbe anche essere a maniche corte o a maniche lunghe.
Possono variare nei colori – alcune presentano un bordino nero, mentre altri hanno contrasti in bianco.
Inoltre è molto apprezzata, ultimamente, la giacca cuoco di colore nero.

Non è da sottovalutare anche la personalizzazione delle giacche da cuoco.
Le trasmissioni televisive, come “Master Chef” oppure “Hell’s Kitchen“, hanno alimentato nel pensiero comune l’idea di giacche da cuoco personalizzate con il proprio nome.


PANTALONI CUOCO

Il colore tradizionale dei pantaloni da cuoco è il pantalone cuoco sale e pepe, a scacchi bianco e nero, che aiuta a nascondere la sporcizia durante il lavoro in cucina.

Anche se ultimamente i pantaloni dello chef hanno vari colori, lo scopo dei disegni scuri e a fantasia è sempre lo stesso: camuffare la sporcizia.

Mentre la giacca da chef è formale, i pantaloni da chef sono larghi e meno informali, in quanto aiutano i cuochi a mantenersi freschi durante il loro lavoro. Inoltre dà loro ampia libertà di movimento.
Gli chef in continuazione si muovono, sollevano e si piegano, per questo hanno bisogno di questo tipo di pantaloni, che gli faciliti i movimenti.

Inoltre i pantaloni da chef devono anche delle tasche per mettere gli asciugamani, utensili o anche il cibo.

Negli Stati Uniti, la maggior parte degli chef indossano pantaloni a scacchi bianco e nero.
In Europa, i cuochi prediligono pantaloni blu o pantaloni sale e pepe.
Il capo chef spesso indossa pantaloni da cuoco neri.
Detto ciò, ogni cuoco ha gusti personali e cerca qualcosa di suo gradimento,  rispetto alla tradizione.

 

GREMBIULE CUOCO
I grembiuli vengono utilizzati per proteggere i vestiti del cuoco da schizzi di cibo e da macchie durante il lavoro in cucina. Mentre ci sono molti tipi di grembiuli sul mercato (con pettorina, alla francese), i più popolari, utilizzati dalla maggior parte dei cuochi, sono i grembiuli a vita bassa e il grembiule con pettorina, che comprende anche una tasca.

 

CAPPELLI CUOCO
Ovviamente, non potremmo tralasciare il cappello del cuoco, o il toque (pronunciato “tock”), che completa l’intero completo da chef. L’altezza di un cappello da chef indica il suo rango in cucina.
La tradizione vuole che le 100 pieghe di un toque siano i 100 diversi metodi che un cuoco conosce nel preparare un uovo. Oppure, se vogliano interpretarlo, denota l’esperienza dello chef in cucina.

Attualmente, ci sono tanti cappelli cuoco tra cui scegliere – cappelli bianchi da chef di diverse lunghezze, cappelli tradizionali cuoco, bustine da chef e classici berretti da baseball.
Ci sono anche cappelli da cuoco usa e getta, acquistabili in pacchetti.

C’è stato un tempo in cui i cuochi non indossavano uniformi, e venivano considerati dalla società come un gruppo di uomini di lavoro ubriachi.
Due chef francesi, Marie-Antoine Careme e Auguste Excoffier, hanno voluto dare prestigio alla professione sviluppando la divisa dello chef.
Volevano onorare il lavoro del cuoco ed elevare il suo status ad un’occupazione professionale più prestigiosa e rispettata. Fu così che si ha incoraggiato gli chef a studiare ulteriormente, portando il loro mestiere a un livello più professionale. E da allora la crescita e le scoperte in ambito culinario non si sono più fermate.

Share this post



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *